Luganesi in evidenza anche nella Svizzera centrale

Oltre 1500 vogatori hanno avvalorata la regata di Sarnen

Oltre 1500 vogatori hanno dato vita, a inizio giugno alla sempre affascinante regata della Svizzera centrale: Sarnen, giustamente definita la culla del movimento nazionale. Agguerrita la presenza di armi provenienti dalla vicina Germania il che ha dato un significato ancora maggiore all’appuntamento ottimamente organizzato dai sodalizi di Sarnen e Stansstad. La nostra società ha risposto presente con un elevato numero di equipaggi che si sono cimentati con onore, senza timori reverenziali nei confronti dell’agguerrita concorrenza.

Come nelle tre precedenti regate, sono state le ragazze a regalarci le maggiori soddisfazioni. Mi riferisco in particolare al doppio U15 formato da Melanie Jaumin e Taina Krattiger che, dopo aver vinto la propria batteria nella giornata d’apertura, hanno concluso al secondo posto nella finale maggiore (8 equipaggi al via), alle spalle dell’armo del SC Sursee. Un risultato che fa ben sperare in vista dei prossimi campionati nazionali. Anche Chiara Cantoni – e siamo negli U17 – ha saputo raggiungere la finale A con un sesto rango di tutto rispetto.  Identico piazzamento per Elisa Canuti nella terza serie. Chiara Cantoni si è ben disimpegnata anche nel doppio (“bronzo” nella seconda serie) in compagnia di Fatimah Fernandes. Incoraggiante anche il 7° rango ottenuto nella finale maggiore dal 4 di coppia misto Lugano-Locarno composto da Fatimah e Diz Fernandez, Elisa Canuti e Jennifer Rocca. Negli U15 da sottolineare anche il secondo posto ottenuto nella giornata d’esordio dal 4 di coppia misto Locarno Lugano formato da Alice Mossi, Sabrina Decarli, Melanie Jaumin e Taina Krattiger. Nel doppio U23 da segnalare l’8° rango del doppio di Giulkia Ammirati e Stify Kawtar.

 E veniamo ai “maschietti”. Iniziamo dai più grandicelli. Elie Jaumin ha disputato un’ottima prova negli U23 portata termine in seconda posizione, staccato di poco più di 2” dal tedesco Ferdinand Malzkorn del RC Heidelberger 1872 e.V. Nella seconda gara della giornata, quella riservata ai pesi leggeri, Jaumin, fors’anche un tantino stanco, ha dovuto accontentarsi del 4° rango, a oltre 14” dal ceresiano Aurelio Comandini. Nella gara riservata ai seniori, da sottolineare il terzo rango di Samuel Schawalder.

Filippo Braido e Lorenzo Colombo in evidenza anche a Sarnen nel doppio U19


Nella giornata d’esordio, un banale incidente “tecnico” (boa sott’acqua) ha per così dire obbligato Lorenzo Colombo e Filippo Braido, al via nel doppio U19 ad effettuare una seconda partenza. Risultato: 3° posto nell’eliminatoria e partenza domenica nella seconda serie, vinta con ampio margine (2”73/100) sull’armo del SC Sempach. In apertura della regata Lorenzo e Filippo hanno partecipato al test di remoergometro, passo obbligato per un’eventuale partecipazione alla Coppa della gioventù. A tale proposito si attende una decisione da parte dello staff tecnico della Federremiera. Nelle barche lunghe si registra un 5° rango nella prima serie del 4 di coppia U17 composto da Giulio Bosco, Matteo Pagnamenta, Elia Bucci e Davide Induni e del 6° nella terza serie comprendente Ludovico D’Anna, Lorenzo Peci, Nicola Martoni e Noor El Sangedy. Marco Canuti negli U15 ha conseguito un incoraggiante 7° rango nella finale A vinta dal locarnese Elia Castano. Da parte sua Filippo Ammirati ha chiuso al 3° posto nella terza serie del singolo U19. Nella seconda serie del 4 senza U17, 2°rango per Diego Cammarota, Ivan Sokolov, Daniele Hering e Domenico Shadlou. 6°posto per Noor El Sangdy e Daniele Hering nel doppio mentre che nell’otto, il nostro armo ha dovuto accontentarsi del 7°rango. Nei master registriamo un primo posto di Marco Briganti nella seconda serie e un 6° di Sergey Sokolov nella seconda. Successo luganese anche nel 4 di coppia comprendente, oltre ai due citati atleti, Marco Gravina e Rocco Bevilacqua.