Obiettivi  ambiziosi per la delegazione ticinese

Ritorna il TERA sulle acque toscane di San Miniato

Nel prossimo fine settimana va in scena sul bacino di Roffia di San Mininiato (Provincia di Pisa) il TERA, acronimo di Trophée Européen des Régions à l’Aviron. Oltre 400 gli atleti in gara in rappresentanza di 8 regioni: Toscana, Liguria, Lombardia e Piemonte per l’Italia, Rhône-Alpes e Ile de France per i transalpini.  I colori rossocrociati saranno difesi da Romandia e Ticino.

La delegazione ticinese è presente sul bacino toscano con ben 22 atleti, suddivisi in 14-16 equipaggi, ciò che rappresenta un nuovo soddisfacente primato. Ricordiamo chel nel 2012 eravamo rappresentati con 9 atleti per poi passare a 10 l’anno successivo e a 17 nel 2015. Particolarmente soddisfatto il coordinatore tecnico della Federremiera ticinese Marco Briganti: “Il TERA rappresenta un’ottima esperienza agonistica internazionale per i nostri atleti più validi. A causa del nuovo regolamento della regata, abbiamo dovuto fare una selezione interna, il che ha determinato una sana concorrenza fra le società. L’ultima, in ordine cronologica, si è avuta sabato 8 ottobre in occasione della regata cantonale di Lugano”. Per il prossimo anno Briganti sta gà valutando la possibilità di potenziare il numero dei partecipanti, grazie al passaggio di categoria di alcuni atleti che vanno per la maggiore.

Abbiamo chiesto al coordinatore tecnico gli obiettivi per San Miniato: “Due, in particolare. Prima di tutto ci prefiggiamo di puntare al podio in particolare nelle discipline riservate alle categorie U17 sia in campo maschile che femminile. In seconda battuta vorremmo raccogliere ulteriori esperienze con gli equipaggi che, per avere la doppia gara, saranno presenti anche nelle categorie superiori”. Per la nostra selezione, quest’anno, rimane ancora precluso il discorso relativo alla classifica generale in quanto siamo ancora sguarniti nelle discipline del settore senior: maschile e femminile.

Briganti si rallegra di poter contare sulla presenza della “nazionale” Olivia Negrinotti, la nostra atleta di punta, reduce da esperienze internazionali di alto livello (europei e mondiali, in particolare). La ceresiana sarà affiancata da tre giovani promettenti atlete di altrettanti club ticinesi: Nimue Orlandini (Scuola di canottaggio Caslano, Malcantone), Chiara Cantoni (Lugano) e Sofia Pasotti (Locarno) che avranno così una condottiera di eccellenza per il loro debutto internazionale.

La regata si svilupperà nell’arco di due giornate con 12 gare sia il sabato che la domenica.

Lo scorso anno il TERA s’era disputato sul lago di Schiffenen (Friburgo). Con 156 punti s’impose la forte formazione della Lombardia, seguita dalla Romandia e dal Piemonte che totalizzarono rispettivamente 119 e 91 punti.