Bilancio molto positivo per la selezione ticinese

La Lombardia si riconferma al Trophée Européen des Régions à l’Aviron (TERA) di San Miniato (Pisa)

San Miniato (Pisa) – Con 22 medaglie: 9 d’oro, 6 d’argento e 7 di bronzo, la regione Lombardia si è imposta nell’edizione 2016 del Trophée Européen des Régions à l’Aviron (TERA), bissando così il successo ottenuto lo scorso anno sul lago di Schiffenen (Friburgo). Nel computo finale i lombardi totalizzano 166 punti (frutto di 9 successi in 22 gare contemplate nel nutrito programma). Al secondo posto troviamo i francesi del Rhone-Alpes con 146. Sul podio anche la Romandia con 131 punti. Seguono, nell’ordine, Piemonte (113), Toscana (71), Liguria (64) e Ticino con 62. Va sottolineato che la selezione cantonale era presente in sole 13 gare (5 nella giornata d’apertura, 8 in quella conclusiva).

Lorenzo Colombo e Giulio Bosco, medaglia d’argento nella giornata d’esordio nel doppio U17.

Lorenzo Colombo e Giulio Bosco, medaglia d’argento nella giornata d’esordio nel doppio U17.

Un risultato certamente positivo e che fa ben sperare in vista della nuova stagione agonistica. I nostri si sono fatti onore soprattutto nella giornata di sabato dove tutti gli equipaggi non sono andati oltre la quinta posizione. Sono brillati in modo particolare grazie al secondo posto ottenuto nel doppio juniori U17 di Lorenzo Colombo e Giulio Bosco, gara vinta dal forte armo piemontese di Bonetti e Zamariola. In evidenza anche il “neonato” 4 di coppia U17 femminile, guidato dalla “nazionale” della Ceresio Olivia Negrinotti e completato da Nimue Orlandini (SCCM), Sofia Pasotti (Locarno) e Chiara Cantoni (Lugano). La mista cantonale ha chiuso al terzo posto, preceduta dalle regioni Romandia e Lombardia. Entrambe le gare sono state caratterizzate da imperiali “rush” finali che sottolineano la “lucidità agonistica” e la padronanza tecnica di questi atleti.

Nella giornata conclusiva la palma dei migliori spetta al doppio U17 femminile con la “solita” Olivia Negrinotti in compagnia di Nimue Orlandini. La mista Ceresio/SCCM ha portato a termine la priva (1500 metri) nel tempo di 5’42”10. Il successo è arriso all’armo romando con Emma Kovacs, medaglia d’oro ai campionati nazionali 2016 e Sarah Mcerelean.

Particolarmente soddisfatto il coordinatore tecnico della Federremiera cantonale, Marco Briganti: “Oltre ai nomi e agli equipaggi già noti, qui sul lago di Roffia ho avuto la conferma di quanto già visto di bello in occasione dei Campionati svizzeri sul Rotsee, penso in particolare all’otto U17 Ceresio/Locarno (5° sabato nella giornata d’esordio) e chi si è pure confrontato in discipline di categorie di età superiori. L’aspetto interessante è la competitività dimostrata dai nostri armi che sono sempre rimasti nel vivo della gara, giocandosela in appassionanti testa a testa.

Olivia Negrinotti, Nimue Orlandini, Sofia Pasotti e Chiara Cantoni, medaglia di bronzo, sabato, nel 4xU17F

I risultati dei ticinesi.

Sabato:

2xU17: 2. Lorenzo Colombo, Giulio Bosco, 5’09”50; 2xSenior: 5. Elie Jaumin, Aurelio Comandini, 5’08”; 4xU17F: 3° FTSC (Cantoni, Pasotti, Orlandini, Negrinotti), 5’27”10; 4xU19M: 7° FTSC (Pagnamenta, Bosco, Braido, Colombo), 4’53”60; 8+U17: 5° FTSC (Guscetti, Giust, Balciunas, Martinoni, Petrosilli, Legierski, Mossi, Nessi), 4’48”20; 4xSeniorF: 6° FTSC (Orlandini, Bertini, Schubiger, Negrinotti), s.t..

Domenica:

2xU17F: 3° Nimue Orlandini, Olivia Negrinotti, 5’42”10; 2xSeniorF: 6° Daina Schubiger, Francesca Bertini, 5’54”; 4xU17M: 5° FTSC (Bucci, Pagnamenta, Bosco, Colombo), 4’48”10; 4-U17M: 5° FTSC (Martinoni, Petrosilli, Guscetti, Nessi), 5’01”30; 4xU19F: 5° FTSC (Cantoni, Pasotti, Orlandini, Negrinotti), 5’27”50; 4xSeniorM: 6° FTSC (Legierski, Rezzonico, Jaumin, Comandini), 4’56”30; 4-seniorM: 5° FTSC (Petrosilli, Guscetti, Martinoni, Nessi), 5’19”70; 2xU17M: 6° Lorenzo Colombo, Filippo Braido, 5’11”30.