Campionati Ticinesi indoors: grande prestazione del nostro collettivo

Tenero ha esaltato ancora una volta la forza del collettivo del nostro sodalizio. Bastano alcuni numeri: Presenti: 48 atleti (su un totale di 150); 5 titoli, 5 medaglie d’argento e 3 di bronzo. La classifica finale vede la nostra società imporsi con la bellezza di 119 punti, secondo posto per la Locarno con 53 e Cannobbio, terzo, con 49. Seguono Ceresio (47), SCCM (38), Cerro (28), Gavirate (10), Audax Paradiso e Retica con 8.

Una mattinata da incorniciare per la flotta della Canottieri Lugano, guidata, come si dice in gergo hockeistico alle transenne, da Paola e da Livio che mai si sono stancati di incitare i loro beniamini durante le gare.

Nella categoria Open maschile, vittoria, oserei dire scontata, per Filippo Ammirati, più che mai intenzionato ad rientrare nel giro della nazionale U23. Fa notizia il secondo rango ottenuto da Alessandro Inderbitzin, ormai da lungo tempo lontano dal mondo competitivo. La classe – come si dice – non è acqua. Così gli altri nostri rappresentanti: 5° Matteo Pagnamenta (peso leggero), 6° Guido Moor, 9° Andreas Metzdorf, 10° Diego Cammarota. In campo femminile, ottima prova di Chiara Cantoni che, pur essendo un peso leggero, ha saputo tener testa alla ceresiana Olivia Negrinotti. Un bel segnale in vista della nuova stagione agonistica.

Negli U19 maschile, vittoria scontata per il ceresiano Luis Schulte. Ottimo “bronzo” per il nostro Alessandro Cravioglio. In bella evidenza anche Giulio Bosco (5°), Sacha Casso (6°) e Peider Konz (7°). Leggermente più staccati: Stefano Botta, Riccardo Cozzi e Ivan Sokolov. Fra le ragazze. Emma Zocchi (2° rango) ha lottato sino all’ultimo per il titolo andato alla malcantonese Siria Rivera. Al 4° rango troviamo Fatimah Fernandez. Seguono al 7° posto Ilaria Bosco e all’8° Melanie Jaumin.

Negli U17, altra grande prestazione di Neel Bianchi. Il ragazzo di Sonvico, dopo il titolo conquistato ai recenti campionati nazionali di Zugo, si è ripetuto domenica a Tenero dove ha avuto modo di mettere in mostra tutta la sua predisposizione per la vogata simulata. Ben 9” lo separano dal secondo classificato, Leonardo Salerno dell’Audax. Medaglia di bronzo per Vojislav Kurkubic. A pari merito, al 4° rango troviamo Lorenzo Mulheim e Lorenzo Botta. Così gli altri ragazzi CCL: 8° Samuele Bertolini, 10° Danylo Byshkin, 11° Alessandro Bellini, 12° Martin Casartelli, 13° Leonardo Vacher, 14° Federico Lanza, 18° Thibaud Tagliabue, 19° Carlo Terziroli, 20° Giovanni Rocci, 22° Luigi Antonini; Podio quasi tutto CCL nelle ragazze. Sul gradino più alto del podio troviamo Vittoria Calabrese, 2° rango per Giorgia Pagnamenta.

Nella categoria U15, il titolo al nostro Nicola Casso: un ragazzino che, sicuramente, ci darà quanto prima grosse soddisfazioni. Ha chiuso al 4° rango, preceduto da tre vogatori lombardi. Così gli altri luganesi: 8° Riccardo Crivelli, 10° Milo Casey, 17° Enea Siragusa, 20° Alessio Valtulini. In campo femminile, ottimo 3° rango per la nostra Eleonora Bortoluzzi. La più veloce è risultata Beatrice Ravini Perelli della Canottieri Cannobio.

Negli U13 spicca il 4° rango ottenuto dal nostro Lorenzo Patuzzo che ha gareggiato sulla distanza di 500 metri facendo segnare un crono di 2'13''9. Nei master, altro titolo CCL grazie a Marius Wurzel, secondo classificato alle spalle del lombardo (Cerro) Eugenio Tenti.