La scomparsa di Demetrio Poggioli

Si è spento venerdì 17 luglio all’età di 98 anni Demetrio “Meto” Poggioli, “Meto” per i numerosi amici. Ha presieduto il nostro sodalizio negli anni 1945-46. Una figura a dir poco eccezionale: un punto di riferimento per molti luganesi per le sue molteplici attività di carattere politico, sociale e ricreativo svolte al di fuori della sua attività commerciale nell’ambito della pelletteria. Di carattere apparentemente tranquillo, sapeva infervorarsi per difendere una causa a lui particolarmente cara.

Ho avuto personalmente il privilegio di apprezzare le sue doti di promotore di numerose iniziative durante i miei 17 anni vissuti a Lugano. Demetrio Poggioli va ricordato anche per essere stato, in gioventù, un eccellente canottiere. E a tale proposito, così si era espresso in un’intervista che mi aveva concesso a casa sua in occasione della ricorrenza del centenario del Club Canottieri Lugano: “A 17 anni mio padre mi accompagnava a Offenbach am Main (Germania) presso una grande fabbrica di articoli in pelle per un apprendistato in ufficio. Abitavo presso il proprietario della Ditta che, tra l’altro, era nel contempo presidente del locale club di canottaggio. Mi porta subito in cantiere per fare la conoscenza con gli altri atleti. Non parlo una parola di tedesco. Comincio a remare nel 4 con timoniere e con allenamenti durissimi e gare in tutta la Germania. È in questo modo che sono entrato ufficialmente nel mondo del canottaggio”. Rientrato a Lugano dopo tre anni e più precisamente nel 1939 per la mobilitazione, Poggioli si iscrive subito al Club Canottieri Lugano che rimase sino alla sua scomparsa. Ne divenne presidente nel biennio 1945/46, succedendo ad Antonio Bariffi, altra figura di spicco di Lugano. Demetrio Poggioli seppe inculcare la passione per il canottaggio anche ai nipoti Giovanni e Nicola.

Alla moglie, signora Sandra, alle figlie Mara con il marito Jon Andri Pult, già membro di Direzione del nostro sodalizio, Fafa e Linda e ai nipoti Giovanni, Nicola, Luca e Tommaso le nostre più sentite condoglianze.